lunedì 30 dicembre 2013

PATE' DI POLLO E TONNO SU CROSTINO DI PANE DI TRIORA


Piccola proposta che potrebbe benissimo comparire sul tavolo del buffet di Capodanno.
E' una ricetta che in casa mia è diventata un must delle feste e che non manca mai sulla nostra tavola natalizia: i miei figli ne vanno ghiotti ...
Tratta da un vecchissimo numero de " LA CUCINA ITALIANA " di più di vent'anni fa l'ho un po' rivisitata, allegerendola da una quantità di burro che era, a mio parere, davvero esagerata e dalla pasta d'acciuga, che qui non piace a nessuno...

INGREDIENTI:
PETTO DI POLLO AL NETTO DAGLI SCARTI 450 GR
TONNO SOTT'OLIO SGOCCIOLATO 160 GR
1 CIPOLLOTTO
CAPPERI SOTTO SALE 1 CUCCHIAIO
BURRO 100 GR
FORMAGGIO CREMOSO ( TIPO PHILADELPHIA ) 100GR
VINO BIANCO SECCO
SALE, PEPE
OLIO EVO

In una larga padella soffriggere con l'olio, assieme al cipollotto tagliato fino, il petto di pollo ridotto a bocconcini piccoli. Sfumarlo con una spruzzata di vino bianco secco, salare e pepare.
Quando il vino sarà evaporato unire il tonno sgocciolato ed i capperi dissalati.
Far cuocere ancora per cinque minuti, poi spegnere e lasciare raffreddare il tutto.
Passare  il composto al mixer fino ad ottenere un composto fine ed amalgamato. Unire poi il formaggio ed il burro morbido e mixare ancora qualche secondo fino a quando si presenterà bello spumoso.
I primi tempi gli davo la forma di un salametto, avvolgendolo in carta da forno e mettendolo in frigorifero per alcune ore e tagliandolo poi a fette, guarnedo il piatto con foglioline di rucola .
Ultimamente, invece , ho optato per la presentazione su crostini di pane: passo la preparazione in frigo un paio d'ore, in modo che il burro solidifichi di nuovo un po', e poi formo le quenelle con due cucchiaini e le adagio su una fetta sottile di pane di Triora leggermente tostato in forno e velato da un goccio d'olio EVO della mia Liguria.


Il resto del patè può essere servito in una ciotolina e spalmato liberamente sulle fette di pane.
A voi la scelta.
Buon Capodanno!!


**********


Nessun commento:

Posta un commento